Trittico di settembre

25/09/2016 Bundesliga |  Autore: Sergio Sorce

Il settembre sanktpauliano ha mostrato un’identità offensiva multietnica e sempre più delineata grazie all’ottima vena realizzativa del bomber tedesco-marocchino Bouhaddouz supportato a turno dal polacco Sobota, dal tedesco Buchtmann, dal neo acquisto turco Sahin ma anche dal coreano Choi e il giapponese Miyaichi. Ha convinto meno la fase difensiva, spesso distratta e poco rispettosa delle distanze coi reparti.
Ripercorriamo la crescita della squadra in ordine cronologico partendo dal successo contro l’Arminia Bielefeld, passando per il pareggio di Karlsruher e quello casalingo di govedì contro il Monaco 1860.

St. Pauli – Arminia Bielefeld 2-1

La vittoria contro l’Arminia ha il sapore di un successo cercato fino all’ultimo con una cattiveria sconosciuta fino a questo punto della stagione.
La sfida si apre con qualche intervento sopra il limite e a farne le spese dopo 12 minuti è capitan Gonther, prontamente sostituito da Sobiech. Il signor Kampter non vede un rigore su Bouhaddouz ma l’attaccante si vendica al 38° quando, splendidamente innescato da un filtrante di Sobota, salta Hels con un doppio passo e insacca a porta vuota: 1-0!
Prima dell’intervallo c’è tempo per una parata di Himmelmann su calcio di punizione e per il raddoppio sfiorato da Bouhaddouz che, da pochi passi, non trova il tap in vincente al termine di una combinazione Buchtmann-Choi.
L’asse offensivo funziona, quello difensivo un pò meno e nella ripresa dopo 5 minuti Buballa stende un avversario al limite dell’area; stavolta Schuppan non perdona e di sinistro infila nel sette: 1-1.
La reazione dei pirati è immediata e potremmo tornare subito in vantaggio se l’assistente non alzasse la bandierina annullando per fuorigioco un gol di Choi perfettamente in linea col difensore.
L’episodio carica il St. Pauli che insiste con un destro al fulmicotone di Sobota appena alto sopra la traversa. Il polacco è tra i più attivi e poco dopo trova Hesl pronto a deviare in angolo uno splendido tentativo di pallonetto.
C’è una sola squadra in campo, il ritmo cresce col passare dei minuti e al 90° un lancio lungo della difesa viene splendidamente gestito di testa da Bouhaddouz che si conferma uomo d’area e con una torre libera Sahin; il turco, in campo da poco più di venti minuti, ha il piedino caldo e con una zampata ci regala 3 punti strameritati: 2-1!

Tabellino

FC St. Pauli
Himmelmann – Hedenstad, Hornschuh, Gonther (12° Sobiech), Buballa – Buchtmann, Nehrig (66° Dudziak) – Miyaichi (67° Sahin), Choi, Sobota – Bouhaddouz
Allenatore: Ewald Lienen

Arminia Bielefeld
Hesl – Görlitz, Behrendt, Cacutalua, Schuppan – Hemlein, Holota (70° Salger), Prietl, Nöthe (46° Staude) – Klos, Ulm (67° Putaro)
Allenatore: Rüdiger Rehm

marcatori: 1:0 Bouhaddouz (38°), 1:1 Schuppan (50°), 2:1 Sahin (90°)
ammoniti: Sobiech, Buballa, Buchtmann / Prietl, Holota, Klos
arbitro: Robert Kampter
stadio: Millerntor
spettatori: 29.546


st-pauli-arminia-bielefeld-2-1

Karlsruher – St. Pauli 1-1

A Karlsrhue abbiamo cercato di dare continuità di gioco e risultati e ci siamo riusciti a metà; non è arrivata una vittoria bensì un buon pareggio, figlio di una prestazione per alcuni aspetti convincente.
Prima di tutto la conferma di Bouhaddouz come attaccante incredibilmente preciso sotto porta, capace sfiorare di testa il vantaggio a inizio gara.
E’ stata anche l’occasione per Miyaichi di mettersi in mostra e il giapponese non si è fatto pregare impegnando Vollath con una spettacolare mezza rovesciata.
L’intesa degli interpreti offensivi è sembrata migliorare, le combinazioni Sobota-Buchtmann lo hanno dimostrato, e al 32° un maldestro rinvio di Vollath viene intercettato da Choi che mette il solito Bouhaddouz in condizione di insaccare il più facile dei gol: 0-1!
La reazione del Karlsrhuer è farraginosa e non si tramuta in veri pericoli per i braunweiss che si divorano il colpo del ko con Bouhaddouz, stranamente poco cattivo nel girare in porta un goloso suggerimento dalla destra.
La palla migliore per chiudere il match se la procura Choi quando ruba palla al lentissimo Stoll e s’invola verso la porta sparando indisturbato addosso al portiere.
A questo punto si materializza il più classico dei canovacci calcistici con Diamntakos che raccoglie un lancio dalla difesa e, facendo perno attorno a Hornschuh, scarica alle spalle di Himmelmann il pallone che vale il pareggio: 1-1.
L’episodio spegne temporaneamente l’entusiasmo e la fluidità dei pirati che rischiano di affondare in un paio di occasioni.
L’ultimo brivido della partita ha il sapore della beffa per una vittoria che sembrava stretta saldamente nelle mani e scivolata via senza capirne il perché: l’ennesimo pallone gettato nel calderone dell’area avversaria viene pulito da Bouhaddouz, il bomber lo consegna a Duksch con scritto “spingimi” ma il neo entrato da solo davanti alla porta semivuota alza sopra la traversa candidandosi a medaglia d’oro del Questo lo segnavo anch’io!

Tabellino

Karlsruher SC
Vollath – Vallentini, Thoelke, Stoll, Kempe – Prömel, Kom – Mavrias (72° Kamberi), Barry (85° Yann), Stoppelkamp –Diamantakos (85° Hoffer)
Allenatore: Tomas Oral

FC St. Pauli
Himmelmann – Hedenstad, Hornschuh, Sobiech, Buballa – Buchtmann, Nehrig – Miyaichi (65° Dudziak), Choi (72° Ducksch), Sobota (81° Sahin) – Bouhaddouz
Allenatore: Ewald Lienen

marcatori: 0:1 Bouhaddouz (32°), 1:1 Diamantakos (57°)
ammoniti: Kempe, Prömel
arbitro: Robert Hartmann
stadio: Wildparkstadion
spettatori: 14.686

karlsruher-st-pauli-1-1

St. Pauli – Monaco 1860 2-2

Il pareggio contro il Monaco 1860 ha come sottotitolo Occasione Persa a causa per un eurogol avversario arrivato proprio quando la vittoria sembrava consolidata, oltre che meritata.
Contro il Monaco 1860 il ritmo impresso è subito alto e la prima emozione porta la firma, manco a dirlo, di Bouhaddouz che su calcio d’angolo salta più in alto di tutti e non trova la porta per una questione di centimetri.
Il pressing alto produce i suoi effetti e al 17° Miyaichi si insinua nel giro palla biancoazzurro, il tentativo di servire Miyaichi viene intercettato da un avversario che involontariamente consente a Buchtmann di insaccare di piatto sinistro: 1-0!
Dall’altra parte Himmelmann si esibisce in uno dei suoi miracoli davanti alla Sud negando il gol a Liendl.
Il botta e risposta del primo tempo si chiude con il pareggio sfiorato da Mölders di sinistro.
L’intervallo serve a ricaricarsi e a inizio ripresa l’arbitro giudica regolare la spinta di Wittek su Bouhaddouz ma l’intervento sembra irregolare.
I pirati non demordono e sparano un colpo dalla distanza con Hedenstad.
Al 70° l’episodio che fa discutere è lo stop col braccio di Liendl che innesca il contropiede avversario e si conclude con il contrasto di Sobiech con un avversario appena dentro l’area. Il signor Kampka non ha dubbi e assegna il rigore trasformato dallo stesso Liendl: 1-1.
I braunweiss rialzano subito la testa e al 76° Ziereis di testa indirizza a centro area un calcio di punizione battuto dalla sinistra; il più lesto di tutti e Nehrig che con una splendida torsione ci riporta in vantaggio: 2-1!
Sarebbe la degna conclusione di una partita ben giocata in cui meriteremmo di portare a casa il bottino pieno ma non c’è nemmeno il tempo di farsi la bocca al successo che Andrade dal vertice dell’area destro disegna una traiettoria fisicamente difficile da spiegare: 2-2.

st-pauli-monaco-1860-2-2

Tabellino

FC St. Pauli
Himmelmann – Hedenstad, Sobiech, Ziereis, Buballa – Nehrig (80° Avevor), Buchtmann – Sobota, Miyaichi (67° Kalla) – Choi (72° Sahin), Bouhaddouz
Allenatore: Ewald Lienen

TSV 1860 München
Zimmermann – Perdedaj (77° Andrade), Degenek (57° Bülow), Mauersberger, Wittek – Matmour, Adlung, Liendl, Aycicek (86° Mugosa) – Mölders, Olic
Allenatore: Kosta Runjaic

marcatori: 1:0 Buchtmann (17°), 1:1 Liendl (70°), 2:1 Nehrig (76°), 2:2 Andrade (77°)
ammoniti: Buballa, Hedenstad, Nehrig / Mauersberger, Mölders, Matmour, Perdedaj, Andrade, Adlung, Wittek
arbitro: Robert Kampka
stadio: Millerntor
spettatori: 29.000