Tre mazzate a Brema

01/12/2010 Bundesliga |  Autore: Carlo Ghio

Non è servito nemmeno un minuto intero ai padroni di casa, in crisi di gioco e risultati fino alla giornata precedente, per mettere subito al tappeto la difesa del St.Pauli. Hugo Almeida si trovava solo soletto in area coi difensori Braunweiss a fare le belle statuine e fulminava il povero Kessler dopo 50″ di gioco. Doccia fredda al Weserstadion.

La reazione dei nostri ragazzi era immediata. Un minuto dopo il gol dei verdi arrivava una buona azione sulla sinistra, cross in mezzo dove Asamoah colpiva di testa ma la palla andava a rimbalzare sulla parte altra della traversa avversaria a Wiese completamente spiazzato.

Il Werder tornava a farsi pericoloso dalle parti di Kessler in un paio di occasioni, ma era Matthias Lehmann al19′ ad andare vicino al gol con un poderoso tiro da oltre 20 metri che, leggermente deviato da Wiese, usciva di un soffio, sfiorando il palo.

E nel più classico dei contropiedi il Werder trovava il raddoppio. Marin ispira ancora una volta Hugo Almeida che solo soletto trafigge per la seconda volta l’ancora incolpevole Kessler per il 2:0 a favore dei padroni di casa. Il St.Pauli anche questa volta reagiva immediatamente ed ancora una volta la fortuna non era dalle parti dei Braunweiss. Bella azione sulla destra con Rothenbach che entra in area e crossa in mezzo, Ebbers stoppa e tenta una rovesciata che non riesce ma la palla arriva a Bartels, solissimo in area, che colpisce a botta sicura ma la palla va a stamparsi nella parte inferiore della traversa, rimbalza davanti alla porta dopo di che un difensore spazza in corner.

La ripresa ricominciava con un’occasione per Frings al 48′, mentre dopo un’ora di gioco Stani mandava in campo Deniz Naki al posto di Fabian Boll, schierando così una formazione ancor più offensiva. La mossa però non sortiva gli effetti sperati ed era ancora una volta il Werder, ancora una volta con Hugo Almeida (tanto per cambiare lasciato solo in area), ad andare in rete, al 64′, per il definitivo 3:0.

A quel punto non succedeva più nulla di degno di nota, per quanto riguarda il calcio, ma si registravano ben due cartellini rossi. Il primo per l’eroe della giornata, Hugo Almeyda, che macchiava una grande prestazione con una brutta gomitata a Zambrano (80′). Quindi era Thorandt a prendere anzitempo la via degli spogliatoi per un brutto fallo su Frings. Finiva con una mezza rissa tra i giocatori, questa brutta domenica per il Sankt Pauli.

Genovese, sponda blucerchiata, è uno dei 3 fondatori del St. Pauli Club Zena nonché l’amministratore di questo sito.