Male la seconda

07/09/2010 Bundesliga |  Autore: Andrea Dolcini

Male la seconda. E fa ancora più male incassare un gol a tre minuti dalla fine, anche se l’Hoffenheim non ha rubato nulla ed il pareggio avrebbe lasciato qualche rimpianto proprio agli ospiti. L’avversario si è presentato ad Amburgo forte dei tre punti conquistati contro il Werder Brema; 4 a 1 sulla squadra che tre giorni dopo avrebbe staccato rocambolescamente il biglietto per partecipare alla Champions League ai danni della Sampdoria.
Un test difficile per il St Pauli, accolto da un Millerntor che fa registrare il tutto esaurito e promette emozioni per chi potrà assistere l’incontro. Ecco, appunto: seguire la Bundesliga da tifosi non abbonati ai monopoli satellitari è una scommessa che può provocare serie conseguenze gastriche. Poche garanzie per chi si aggrappa ai siti internet che offrono in streaming l’incontro, corde fragili che si spezzano frequentemente e lasciano lo spettatore in balia di immagini oscillanti commentate in rumeno, olandese, tedesco a seconda del sito che offre la visione dell’incontro. Emozioni clandestine, tastiere a brandelli per trovare il sito più affidabile, il segnale che va e viene, il calcio moderno alla tv costa e non tutti se lo possono permettere.

La partita: il St. Pauli parte sulle ali dell’entusiasmo dopo il vittorioso debutto di Friburgo. Al 5° Fabian Boll colpisce la traversa su calcio di punizione, poi Oczipka ed Ebbers creano qualche situazione interessante nell’area avversaria. L’Hoffenheim contiene con calma le incursioni dei padroni di casa ed al 27° Hain deve esibirsi in un plastico intervento per deviare la conclusione di Ba. Ancora qualche schermaglia, Compper per gli ospiti ed ancora Boll per il St. Pauli, poi tutti negli spogliatoi dopo i primi quarantacinque minuti.
Secondo tempo: al 47° Ebbers sulla fascia sinistra arpiona un rilancio e riesce a prolungare per Hennings che incespica sul pallone, una finta involontaria che mette a sedere portiere e difensori, ma quando riesce a concludere spreca tutto e di destro spedisce la palla fuori di un soffio. Si ripete il copione di Friburgo: Ebbers trascina la squadra avanti e si danna per fornire palloni di sponda ai compagni, Hennings si fa trovare al posto giusto ma non riesce mai ad inquadrare la porta; quando ci riuscirà, si spera non troppo tardi, per l’allenatore Stanislawski non saranno più necessari ansiolitici.

L’Hoffenheim prende il sopravvento e si rende pericoloso al 51° quando non scatta la tattica del fuorigioco (come già a Friburgo) e Hain deve uscire dall’area per allontanare di testa il pallone: Ibisevic è in agguato ma il suo tiro da oltre 20 metri sfiora di poco la traversa. Brividi! La pressione degli ospiti è costante, il St Pauli riesce a gestire il pallone fino alla trequarti avversaria e non oltre. La linea difensiva avversaria controlla tutte le azioni dei braunweiss e ripropone palloni pericolosi agli attaccanti, in particolare a Weiss. Le squadre non risparmiano le energie e a partire dal 62° sfruttano mano a mano tutte le sostituzioni concesse. Stanislawski gioca ancora la doppia carta Bartels e Sukuta-Pasu, determinante a Friburgo ma l’Hoffenheim non lascia spazi di manovra e al 72° il neo entrato Vuckevic corregge in rete una deviazione corta di Hain: gol annullato e segnalazione giusta del guardalinee, erano due gli attaccanti in netto fuorigioco.

L’area di rigore dell’Hoffenheim è blindata, allora Ebbers e Lehmann ci provano da fuori, Starke non si lascia sorprendere. Siamo all’epilogo. E’ l’87° quando, sugli sviluppi di un corner battuto da Salihovic dalla destra, la retroguardia del St Pauli lascia colpevolmente smarcato il difensore ospite Vorsah: destro al volo e palla in rete.
Il St Pauli cerca l’assedio e dopo un solo minuto potrebbe trovare il pareggio. Sukuta-Pasu si destreggia bene in area, riesce a servire Boll che dall’angolo destro dell’area piccola indirizza un diagonale impreciso, è l’ultimo sussulto prima dei due minuti di recupero nei quali è proprio l’Hoffenheim a rendersi pericoloso con un paio di contropiedi.

In classifica Hoffenheim, a punteggio pieno, al comando insieme ad altre quattro squadre, St Pauli in compagnia di Bayern Monaco e Friburgo a tre punti, un solo pareggio nelle prime due giornate disputate. Domenica trasferta a Colonia contro il Fc Koln, ultimo a zero punti: caro St Pauli, streaming permettendo, you’ll never walk alone!